Please enable JS

ARCHITETTURE DINAMICHE: SPAZI, PRESENZE, POSSIBILI NARRAZIONI.

ARCHITETTURE DINAMICHE: SPAZI, PRESENZE, POSSIBILI NARRAZIONI.

ARCHITETTURE DINAMICHE: SPAZI, PRESENZE, POSSIBILI NARRAZIONI.

A cura di
Nuvola Vandini - Architetture di Corpi - www.architetturedicorpi.com

L’ architettura indaga possibili organizzazioni dello spazio, con finalità e obiettivi specifici sempre diversi. Sono affascinata da questa disciplina e dal concetto che la sottende: l’ organizzazione dello spazio, infatti suggerisce direzioni e possibilità di movimento, al suo interno e al suo esterno, possibilità di stare e percepire, possibilità di relazionarsi con l’essenza, con la superficie e con altre superfici. Potremmo forse dire che ogni organizzazione spaziale, implica sia una geometria architettonica, che un paesaggio che è anche sensibile, percettivo, emotivo,che è anche veicolo di idee, pensieri, politiche, pratiche.

Propongo un ciclo d’ incontri volto ad indagare le forme di organizzazione dello spazio interno ed esterno del corpo mentre siamo intenti a costruire un paesaggio di movimento sensibile e percepito.
Ogni sessione di ricerca include: condivisione e discussione delle ricerche scientifiche motrici (biomeccanica, fisica, geometria, biologia….) ricerca applicata al movimento individuale e di gruppo sequenze o pattern danzati giochi di composizione individuale e/o di gruppo.
Il ciclo di laboratori, si concluderà con la creazione di un atto poetico pubblico. La partecipazione a questa fase finale è riservata a coloro che seguiranno il percorso intero.

Questo lavoro nasce dalla personale rielaborazione di Nuvola Vandini della ricerca svolta e consolidata dal Network Internazionale di Ricerca Axis Syllabus, dagli studi accademici in antropologia e dalla sua esperienza di danzatrice e coreografa.

 

6 Gennaio 2019
11.00-13.30 / 14.00-17.30
THE SUN GOES DOWN AT NIGHT
"Everything in the Universe is governed by the same basic laws of physic and always moves towards a state of balanced equilibrium and minumum-energy…" Graham Scarr
Osservando la natura dell' Universo possiamo apprendere diversi principi di efficienza che la sottendono, tra questi troveremo forme geometriche che si ripetono. L'architetto B.Fuller descrive il triangolo come minimal energy shape. Durante questa sessione rifletteremo e metteremo in moto la triangolazione:
come possiamo sfruttare questa geometria mentre attraversiamo i livelli dello spazio?
Quali organizzazioni tra le varie parti del corpo ci suggerisce?
** triangolazione efficienti tra i LIVELLI DELLO SPAZIO

2-3 Febbraio
10.30-13.30
GOCCIA A GOCCIA
Passo a passo la geometria triangolare ci conduce verso figure più complesse, quelle figure che risultano all' occhio, esagonali, circolari come una goccia. Durante questa sessione ci lasceremo sorprendere dalle possibili relazioni fra triangoli e cerchi, e dai moti e le dinamiche che queste relazioni possono generare.
Qual' è il mio ciclo minimo di moto circolare uniforme?
Quali dinamiche possono esistere in un moto circolare?
** LA LEGGEREZZA: DINAMICA CIRCOLARE SU GEOMETRIA TRIANGOLARE

2-3 Marzo
10.30-13.30
APOLLO 11
Tensione e compressione una coppia spaziale. Osservando architetture di Tensegrità, quelle architetture che non dipendono dalla gravità ma da forze interne che le permetterebbero la vita anche nello spazio stellare, faremo amicizia con le miofasce: strato della nostra anatomia che ci fornisce interessanti quanto fondamentali proprietà per il movimento e l’efficienza.
Come posso navigare tra le forze che mi attraversano?
** TONO MUSCOLARE E COORDINAZIONE verso UNA DEMOCRAZIA DEL CORPO

6-7 Aprile
10.30-13.30
ANIMALI VISIVI
La neurobiologia ci racconta come la vista sia il senso più forte dell’ essere umano. La percezione visiva è estremamente complessa e raffinata, durante questo incontro vi propongo un approccio al movimento dell’ occhio nell’atto percettivo, nell’intento d’integrare questa possibilità nel nostro vocabolario di movimento.
Quale costellazione sottende la percezione visiva?
Posso fare del movimento dell’occhio un movimento del corpo intero?
** SENTIRE & PERCEPIRE: COMPLEMENTI DI UN PROCESSO VISIVO

Data da definire tra Aprile e Maggio
ARCHITETTURA PER UNA POESIA, ANCORA DA SCRIVERE
Costruzione di un atto poetico condivisibile per luoghi d’ arte e cultura.
Questa sessione sarà riservata a chi ha seguito l’intero ciclo d’incontri con l’obbiettivo di tessere una sintassi attraverso la grammatica indagata durante gli incontri.
L’esito sarà un atto poetico in dialogo con architetture della città di Bologna e aperto al pubblico.

 

INFORMAZIONI E REGISTRAZIONI
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Tel. 051 0037900