Please enable JS

Danza contemporanea

Danza contemporanea

Danza contemporanea

 

referente: Elisa Pagani

La danza contemporanea intende dare strumenti per poter affondare in una ricerca individuale del movimento e del gesto.
E così, in questo tentativo di valorizzare la differenza e l'unicità si annidano approcci differenti.

Tutti gli insegnanti di contemporaneo di AlmaDanza condividono alcuni principi, obiettivi e pratiche tra cui:

- attenzione al processo che porta il corpo da un luogo ad un altro in un continuo dialogo tra equilibrio e disequilibrio;
- focus sulle possibilità di attraversare tutti i livelli dello spazio in maniera efficiente;
- proprio-percezione vs forma, come guida;
- analisi e comprensione interna del movimento per raggiungere il controllo della forma esterna;
- consolidamento della coordinazione fisico-motoria necessaria per la produzione di una danza in cui gli allievi si sentano a proprio agio: improvvisazione, esplorazione e processo creativo come elementi progettuali della lezione;
- esplorazione della relazione con altri corpi: da primi approcci a studio approfondito delle dinamiche d’ incontro, dialogo, scontro.

BAMBINI e RAGAZZI
L’obiettivo delle lezioni di danza contemporanea per i più giovani tenute da Carlotta Mandrioli e Chiara Castaldini è quello di far imparare all’allievo ad osservare le componenti basilari di ogni azione fisica, esplorando i concetti che riguardano il corpo, la qualità dinamica, la forma, lo spazio, attraverso una metodologia che mira a guidarlo spontaneamente tramite immagini e sensazioni.
La tecnica contemporanea lavora principalmente sul flusso e richiede molta consapevolezza corporea in quanto le abilità motorie richieste sono spesso globali. Per questo motivo la danza contemporanea contribuisce a stimolare nei bambini e nei ragazzi l’agilità mentale, la dinamica e la fisicità, consentendo di esplorare e di prendere coscienza delle innumerevoli vie che conducono il proprio corpo a prendere forma e proiettare sé stessi nello spazio.
Anche dal punto di vista espressivo quello su cui lavoriamo con i giovani allievi che frequentano la nostra scuola è proprio la ricerca e il raggiungimento di questa versatilità.

ADULTI
Elisa Pagani: si attraversano le pratiche del floorwork, del partnering e dell’improvvisazione guidata per esplorare le possibilità della creazione artistica e per focalizzare la qualità individuale del danzatore.

Chiara Castaldini utilizza elementi fondanti della tecnica Release - attraverso sequenze di movimento strutturate al pavimento e in piedi - sollecitando la capacità di usare il proprio corpo in modi molto differenziati, dalla motricità fine che implica singoli segmenti corporei a movimenti che richiedono il controllo dell'intero corpo.

Nuvola Vandini porta una specifica attenzione alla conoscenza dell’architettura del corpo per scoprirne relazioni, potenzialità e limiti nell’ intento di facilitare la negoziazione e l’adattamento a diversi contesti. Il suo lavoro è per lo più inspirato all' indagine svolta all' interno della rete internazionale di ricerca axis syllabus

Anna Albertarelli porta attenzione attraverso la pratica della contact improvisation e del corpo risonante alla percezione dei sistemi : scheletrico ,muscolare, epidermico, respiratorio., propriocettivo.ed empatico del gesto danzante -teatrale. Ciò permette al praticante di acquisire una percezione-consapevolezza nella improvvisazione di contatto molto attenta al dettaglio, aiutandolo ad eliminare le energie psico-fisiche in eccesso.

Michal Mualem, Giannalberto De Filippis: La loro lezione si basa su Tecnica Release insieme ad altri metodi e principi. Il loro lavoro si fonda sulle direzioni possibili e molteplici del corpo che chiunque può trovare abbandonando via via le restrizioni e la staticità delle forme. Costante è la loro ricerca di una maggiore consapevolezza della gravità, del proprio peso in relazione al movimento e allo spazio, insieme alla possibilità di percepire il proprio corpo più libero di raggiungere i propri limiti estremi ed al contempo acquisendo l'abilità di essere preciso e chiaro anche nei più piccoli dettagli. Mettono un focus particolare sull'origine del movimento, sia fisica e meccanica sia emotiva ed espressiva. La continuità e l'organicità del movimento costituiscono un ulteriore elemento di studio così come la fortificazione del proprio centro e del proprio equilibrio, inteso sempre come equilibrio dinamico in costante cambiamento e rinnovamento. Non ultimi sono i concetti di compressione e rilascio del movimento che portano ad un'esplosività senza sforzo e naturale. L'obbiettivo è di sviluppare un linguaggio Naturale, Diversificato nelle sue infinite Qualità, Comunicativo e Sano e che permetta a tutti di riscoprire le proprie innate caratteristiche e diversità che caratterizzano l'identità di ognuno, riconoscendo i propri limiti e imparare a vederli come i preziosi dettagli della propria unicità, come un'opportunità piuttosto che come un problema.


I corsi per bambini e ragazzi sono suddivisi in tre livelli: elementari, medie e superiori. Almadanza offre poi corsi per adulti sia in fascia serale, principianti, intermedio e avanzato, che in fascia mattutina di livello professionale.